"Garasha" e il Cristianesimo in Giappone tra stati belligeranti e chiusura del paese | 細川ガラシャ

by Jessica | Juliet in Zena
2,7K views
(^ω^)
Reset

Hosokawa Tamako

Il racconto del Cristianesimo in Giappone, parte dalla figura di Hosokawa Tamako. Nobildonna giapponese del periodo Sengoku (1467-1590) che si convertì al Cristianesimo e venne battezzata con il nome di Grazia (tradotto in ortografia katakana Garasha).

Figlia della famiglia samurai Akechi, sposò in un matrimonio combinato Hosokawa Tadaoki.

Quando suo padre uccise il condottiero Oda Nobunaga, del quale era servitore, tutta la famiglia del ribelle Akechi fu sterminata, fatta eccezione per lei che venne comunque considerata la “figlia del traditore” e confinata dal marito.

Fu in quel periodo di isolamento che si allontanò dal Buddhismo zen per avvicinarsi al Cristianesimo e abbracciare una nuova fede nella quale perseverò fino alla morte.

Cristianesimo in Giappone, periodo Sengoku

Stati Belligeranti

Il periodo Sengoku (1467-1590) o periodo degli Stati Belligeranti è un’epoca in cui il Giappone si trovò suddiviso in tanti piccoli stati governati da signori locali, costantemente in guerra tra loro.

Il processo di pacificazione e unificazione del paese avvenne per mano di tre condottieri che per questo divennero famosi come i “tre unificatori”: Oda Nobunaga, Toyotomi Hideyoshi e Tokugawa Ieyasu.

Cristianesimo in Giappone

Il Cristianesimo in Giappone è una religione minoritaria. Venne introdotto per la prima volta con i missionari cattolici spagnoli e portoghesi a metà del 1500, sulla scia dell’evangelizzazione mondiale che li aveva condotti anche alla “scoperta” dell’America.

La sua diffusione, principalmente attorno all’area di Nagasaki dove si trovava il porto destinato agli stranieri, venne presto interrotta per questioni politiche.

Toyotomi Hideyoshi comprese infatti il rischio politico che si stava insinuando nel proprio paese e, quando gli stranieri iniziarono ad imbarcare come schiavi i giapponesi non convertiti, mise in atto misure persecutorie nei confronti dei cristiani.

A questo evento seguì la chiusura dei confini del Giappone agli occidentali che durò fino alla fine del 1800.

Opera Garasha

Hosokawa “Garasha” di Noriko Maruyama (2020). La famosa cristiana giapponese del periodo Sengoku, rappresentata con crocifisso e capo coperto.

細川ガラシャ | 丸山典子

Yūzen Washi | 12x9x26 cm

Collezione Washi-Ningyō Project Italia

Potrebbe interessarti anche

JESSICA | JULIET IN ZENA
Dall'Asia al Pacifico (con sconfinamenti), racconto e illustro culture e angoli di mondo tra pensieri scompigliati, progetti e litri di tè + curo la collezione del WASHI-NINGYŌ PROJECT