Home » Speciale Giappone » Storia giapponese » Shomin e heimin

Shomin e heimin, le persone comuni | 庶民と平民

by Jessica | Juliet in Zena
2,7K views
(^ω^)
Reset

Shomin e Heimin

Il termine shomin (庶民) indicava e indica tuttora le “persone comuni”, cioè quelle che dal punto di vista economico, culturale e di status costituiscono la maggioranza della popolazione.

Esiste però un altro termine, ormai in disuso, che può essere tradotto nello stesso modo pur avendo una sfumatura di significato diversa. È heimin (平民) “persone ordinarie”, ovvero una delle classi sociali introdotte nell’Era Meiji (1868-1912) sulla scia delle influenze occidentali.

Essendo coloro che erano privi di titoli poiché non discendevano né da nobili né da samurai, gli heimin costituivano oltre il 90% della popolazione. Tuttavia, con l’abolizione dell’aristocrazia giapponese alla fine dei conflitti mondiali, la classificazione sociale e i nomi ad essa collegata vennero abbandonati.

Shomin e heimin, tsunodashi obi

Tsunodashi-Obi | 角だし帯

Tsunodashi-obi è un tipo di nodo obi molto popolare fin dal periodo Edo e raffigurato spesso nelle stampe ukiyo-e. Particolarmente di moda tra le donne della gente comune, risulta squadrato, morbido e fresco. Questo perché non utilizza né il cuscino (obimakura 帯枕), né il cordoncino (obijime 帯締め).

Kosode | 小袖

Kosode è un tipo di kimono originariamente indossato come biancheria nella corte del periodo Heian (794-1185), ma diventato abbigliamento quotidiano della gente comune durante il periodo Edo (1603-1868). L’uso e l’accostamento di seta e cotone fanno di questo kimono il prototipo dell’abbigliamento tradizionale giapponese contemporaneo.

Opera Shomin

L’abbraccio di Akio Maruyama (2023). Tenero momento di quotidianità nell’abbraccio di madre e figlio, shomin del periodo Edo.

抱擁 | 丸山晃生

Yūzen Washi | 11x9x26 cm

Collezione Washi-Ningyō Project Italia

Potrebbe interessarti anche

JESSICA | JULIET IN ZENA
Dall'Asia al Pacifico (con sconfinamenti), racconto e illustro culture e angoli di mondo tra pensieri scompigliati, progetti e litri di tè + curo la collezione del WASHI-NINGYŌ PROJECT