Kiwi, da uccello maori a frutto asiatico

by Jessica | Juliet in Zena
3,K views
(^ω^)
Reset

Aotearoa | Lingua māori: kiwi ~

Esistono parole che viaggiano più di altre, spostandosi non solo di luogo ma anche di significato. A volte per affinità, altre per incomprensione o errata interpretazione e traduzione.

Come nel caso di KIWI, termine māori che in origine indicava un uccello endemico neozelandese notturno, buffo e inabile al volo.

kiwi maori

Per la sua somiglianza all’animale, anche un frutto cinese coltivato in Nuova Zelanda dall’inizio del ‘900 prese il nome māori di KIWI. Eppure oggi questa stessa parola è usata per riferirsi agli abitanti della Nuova Zelanda, indipendentemente dalla provenienza dei vari antenati.

Un solo termine per identificare: un animale endemico, un frutto esotico e una popolazione mista.

Puoi scoprire qualcosa in più sulla popolazione neozelandese nell’articolo North Island, la Te Ika-a-Māui dei Māori.

Curiosità

Clicca sulla domanda per leggere la risposta

Le parole sono viaggiatrici a tutti gli effetti. Si spostano, si adattano nel tempo e uniscono culture da un paese all’altro e, nel farlo, prendono lettere, le perdono, le cambiano.

Un po’ come quando si gioca con dei bambini al telefono senza fili (hai presente?) e la parola iniziale “orso” si trasforma, non si sa come, in “cassapanca”. Ecco, il viaggio delle parole e quello delle persone sono fatti di questa stessa magia soggettiva, capace di cambiarle un pochino a ogni fermata.

Potrebbe interessarti anche

JESSICA | JULIET IN ZENA
Dall'Asia al Pacifico (con sconfinamenti), racconto e illustro culture e angoli di mondo tra pensieri scompigliati, progetti e litri di tè + curo la collezione del WASHI-NINGYŌ PROJECT